Istat: Declino demografico le nascite sono al -4%

Secondo l’Istat il declino demografico in Italia è rallentato dalla crescita dei cittadini stranieri. In Italia ci sono 10.000 residenti di 50 nazionalità. Da 90 anni non si registrava una fase di declino demografico tale, dal 2015 la popolazione residente è in diminuzione. Questo declino sembra essere causato dalla popolazione italiana, che al 31 dicembre 2018 era 55 milioni (lo 0,4% in meno).

Aumentano gli immigrati che diventano cittadini italiani

Il calo demografico degli italiani potrebbe essere ancora più decisivo. L’Istat sottolinea che il numero di immigrati che hanno ottenuto la cittadinanza italiana negli ultimi quattro anni sono stati oltre 638 mila.

Al 31 dicembre 2018 sono 5.255.503 i cittadini stranieri iscritti in anagrafe, sono aumentati del 2,2% rispetto al 2017 arrivando a costituire l’8,7% del totale della popolazione residente permettendo di contenere la perdita complessiva di residenti.

Aumenta l’emigrazione di cittadini italiani

L’Istituto Nazionale di Statistica sul bilancio demografico sottolinea che se il numero di cittadini stranieri che lasciano il nostro Paese è in lieve flessione (-0,8%) è invece in aumento l’emigrazione di cittadini italiani (+1,9%). Delle 50 nazionalità presenti sul territorio italiano le cinque più numerose sono quella romena (1 milione 207 mila), albanese (441 mila), marocchina (423 mila), cinese (300 mila) e ucraina (239 mila), che da sole rappresentano quasi il 50% del totale degli stranieri residenti, confermando la graduatoria del 2017.

Diminuiscono le nascite

La diminuzione delle nascite nel 2018 è di oltre 18 mila unità rispetto al 2017 pari al -4% certifica l’Istat. Si è registrato un nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia di iscritti in anagrafe per nascita 439.747 bambini.La popolazione residente in Italia nel 2018 è diminuita del -0,2%( 124.427 unità ). Al primo gennaio 2019 risiedono in Italia 60.359.546 persone, di cui l’8,7% sono straniere.

Diminuiscono i decessi

Il tasso di mortalità è pari a 10,5 per mille. La diminuzione del numero di decessi si registra con un decremento più consistente nel Centro (-4,3%) e nel Sud (-4,4%). Solo nel Nord-ovest si registra un lieve aumento di decessi (+0,4%).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...